Come Acqua in costante movimento

La pratica nel dojo Shobu Aiki ci prepara a mantenere la mentalità aperta, ci
insegna a essere elastici di fronte a variazioni di forma, pur tenendo fermi i
principi. L’impegno del nostro maestro consiste proprio nel farci comprendere l’importanza
di tendere al costante miglioramento, senza dimenticare da una parte la mente
del principiante e dall’altra la solidità dei principi. Siamo sottoposti a uno
stimolo costante a porci domande, a confrontarci con maestri e allievi di altri
dojo. I principi devono essere saldi per aprire la mente. La mente deve essere
aperta per imparare. Credere di sapere già tutto è immobilità. E l’acqua ferma,
ristagna e marcisce.

“L’acqua è nomade e ci spinge a vagabondare per seguire le
avventure dei suoi flussi. Alcune civiltà si sono ispirate alla mobilità
dell’acqua: si sono mobilizzate e così hanno reso dinamica la propria cultura.
Una cultura nomade sa come ci si deve spostare, conosce tutti i segreti e le regole
del viaggio. Si muove non perché priva del senso di appartenenza a un luogo
particolare, semmai per senso di appartenenza al mondo intero. Essere nomade
significa essere disponibile a trasportare tutto se stesso con sé, in qualunque
momento. Il nomadismo però non è mai cieco. Come l’acqua tende a riunire i suoi
estuari al mare, così chi viaggia sa che approderà al luogo cui è destinato e
poi, forse, ancora oltre.

L’intelligenza elevata è nomade. È la capacità di adattare
il pensiero e l’azione al mutare degli eventi. È la capacità di trasmettere il
sapere con elasticità e con ogni mezzo: la tendenza a imparare da tutto e da
tutti, lasciando la propria tradizione aperta all’esterno e permeabile
all’altro, mantenendo tuttavia intatta e distinta la propria identità. La
mentalità nomade si costruisce conservando la tendenza opposta, la forza
conservatrice dello status quo, la quale costruisce e custodisce una tradizione
che si mantiene nel corso delle generazioni. È di nuovo la convivenza dinamica
tra cambiamento e permanenza. Ciò che è sottoposto al rinnovamento deve essere
conservato: la sapienza, che si è affinata nel corso del tempo, va preservata,
ma al contempo ha bisogno di essere interrogata e sollecitata dal cambiamento.
Non si tratta dell’elogio del dubbio fine a se stesso, ma dello stimolo alla
ricerca continua per avvicinarsi all’Assoluto.”

Tratto da:
Monia Zanon – Sincronicità
“Tutto ciò che non sai può essere usato contro di te. Manuale di attivazioni sincroniche per l’anima.”

Anima Edizioni.

About The Author

Avatar
admin@shobuaiki.it

X